Missa Ockeghem

Home / Programmi / Missa Ockeghem

Missa Ockeghem

 

liturgia di musiche, immagini, architetture tra rinascimento e contemporaneo

L’HOMME ARME’

direttore Fabio Lombardo

TREE – Tempo Reale Electroacoustic Ensemble

coordinatore: Francesco Giomi

Progettazione artistica: Francesco Giomi,  Fabio Lombardo

Ideazione scenografica: Andrea Aleardi

Video: Federico Fiori e Francesca Lenzi

Regia del suono: Damiano Meacci

Lo spettacolo è incentrato su una particolare lettura e ambientazione  della Missa cuiusvis toni del compositore fiammingo Johannes Ockeghem, uno dei massimi musicisti del XV secolo. Questa messa rappresenta una sorta di ‘opera aperta’ rinascimentale: la stessa partitura può infatti essere eseguita in differenti ‘tonalità’ con caratteri espressivi anche molto diversi. Le cinque parti composte da Ockeghem, immaginate come altrettanti pannelli di un polittico perduto, vengono inserite in un nuovo contesto ‘liturgico’ creato attraverso una serie di strutture sonore elettroacustiche originali o frutto della rielaborazione elettronica delle parti cantate.

La parte musicale è quindi affidata ad un ensemble vocale, che interpreta la messa secondo criteri e prassi della seconda metà del Quattrocento, e ad un ensemble elettroacustico dal vivo, che si occupa di costruire in tempo reale un contrappunto sonoro sia attraverso nuovi materiali sia grazie alla rielaborazione digitale degli elementi vocali. Vengono quindi a interagire, fianco a fianco, la formazione musicale più ‘antica’, il gruppo vocale, e quella più ‘moderna’, interamente formata da strumenti elettronici.

L’esecuzione musicale verrà inserita all’interno di una video-scenografia che interagirà con i vari pannelli musicali, vocali ed elettronici, costruendo un percorso di drammaturgia  visiva intimamente connesso a quello sonoro, dunque parte integrante della creazione.

La connotazione rituale dello spettacolo viene fortemente evidenziata dalla particolare collocazione dei gruppi musicali nello spazio, in modo da avvolgere totalmente il pubblico. Sulle superfici risultanti dall’articolazione dello spazio, o appositamente ritagliate, vengono proiettate le immagini di una videoscenografia che si ispira e rielabora elementi essenzialmente architettonici, ispirati sia all’opera del grande architetto fiorentino Giovanni Michelucci (tratti dal ricchissimo Archivio della Fondazione Michelucci), sia alla spazialità delle cattedrali gotiche di area fiamminga, luoghi in cui la messa di Ockeghem poteva originariamente risuonare.

Organico: 8 cantanti, 4 musicisti elettronici, 1 regia del suono, 2 video artisti, direttore (allestimento escluso)

Su questo sito Web utilizziamo i cookie, ossia memorizzano piccoli file sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.